domande & risposte sullo Spread Trading

Mi sono arrivate una valanga di domande sullo spread trading, sia durante i vari webinar gratuiti, sia via mail, sia da Facebook. Mi fa davvero piacere ricevere così tante domande, perché significa che questa strategia suscita un enorme interesse.

In molti casi sono riuscito a rispondere in diretta durante lo streaming, oppure ho commentato direttamente su Facebook, a qualcuno altro ho risposto personalmente via mail. Però ci sono domande che si presentano in maniera ricorrente, perché sono di interesse generale, quindi ho preferito rispondere pubblicamente.

In questa pagina trovi le domande e tutte le risposte. La pagina è in continuo aggiornamento e se vuoi commentare puoi aggiungere il tuo contributo in fondo alla pagina 🙂

*********************************************

Si può fare spread anche con le valute?

Ho già risposto a questa domanda nel corso del webinar gratuito, ma la ripeto volentieri perché è un domanda ricorrente. Se prendiamo due coppie che hanno una valuta in comune, non ha senso fare spread trading, perchè corrisponde ad operare direzionalmente sul cross derivato, senza nessun vantaggio operativo.

Ad esempio: impostare uno spread tra EURUSD e GBPUSD corrisponde ad operare sul cross EURBGP. Analogamente, fare spread tra EURUSD e EURGBP equivale ad operare direttamente sulla major GBPUSD.

Se invece prendi due coppie senza valute in comune, le cose cambiano. Si può impostare uno spread tra EURUSD e AUDPY? Sì, me devi stare attento a due aspetti. Primo, verificare che esista una correlazione tale per cui lo spread genera segnali oeprativi profittevoli. Secondo, sei esposto al rischio cambio verso USD e verso JPY, quindi dovresti bilanciare questo lato con altre due gambe.

Si tratta di argomenti avanzati, che vengono spiegati in un webinar di approfondimento che si trova all’interno del corso online.

Si può fare spread anche con le commmodities? (Silvano)

Qui la risposta è SI ma con riserva. Per prima cosa, suggerisco di utilizzare coppie di materie prime che appartengono alla stessa categoria merceologica, ad esempio agricole oppure metalli oppure energetiche.

La raccomandazione pricipale è stare attenti agli orari di negoziazione, infatti i futures sulle materie prime non hanno sempre gli stessi orari di scambio, quindi potresti trovarti nell’impossibilità di aprire o chiudere un’operazione perché uno dei due mercati non è disponibile.

Questo fa riferimento al pricipio di simultaneità delle operazioni, che viene spiegato chiaramente all’interno del webinar introduttivo.

Come si fa a trovare la correlazione tra due strumenti?

Questo è un passaggio fondamentale, e va svolto prima di impostare ogni tipo di operazione in spread trading. Ci sono diverse ragioni che possono spiegare la correlazione tra due mercati, come spiego nel capitolo sulle Correlazioni Intermarket all’interno del Corso base, ma qui mi limito ad elencare le principali: valutaria, strutturale, economica, speculativa.

Ai fini della strategia spread trading, è sufficiente svolgere un’analisi visuale del grafico di lungo periodo per capire se esiste una correlazione tra i mercati che stiamo analizzando. Dovremo valutare la tendenza primaria (lungo periodo, multiday) e l’ampiezza delle oscillazioni secondarie (breve periodo, intraday).

Con quale timeframe si lavora?

In linea teorica, si può usare qualunque timeframe. Prima però devi fare una analisi visiva del grafico dello spread ratio, per capire se almeno nel passato ha mostrato sufficienti occasioni operative profittevoli.

quanto si guadagna con lo spread trading?

Lo so, questa domanda è LA domanda. Purtroppo non si può liquidare con una risposta di due righe. Tanto per cominciare, bisognerebbe chiarire come si misura la performance di una strategia: guadagno totale alla fine dell’anno? Percentuale di operazioni in profitto? Drawdown massimo? Rapporto risk reward? Se vuoi capire come si valuta davvero la performance di una strategia, ti consiglio di leggere questo articolo del blog, dove spiego i più importanti indicatori di performance.

Si può operare con leva 1:100? (Emanuele)

Solitamente, suggerisco di lavorare con una leva complessiva ad una cifra, cioè inferiore a 10. Nel caso dello spread, la leva si calcola sommando la leva di entrambe le gambe (leg) dello spread. Ma attenzione, cerchiamo di fare chiarezza sui termini. Quando parlo di leva finanziaria io intendo il rapporto tra il controvalore di un’operazione sul mercato e la liquidità disponibile sul conto. Invece la leva operativa calcolata dal broker indica il rapporto tra il controvalore e il margine impegnato. Sono due cose completamente diverse.

Per approfondimenti sulla leva finanziaria, ti rimando a questo articolo del blog, dove spiego con chiarezza l’argomento.

Se compro l’expert advisor, devo comprare anche l’indicatore? (Aldo)

No, l’indicatore Spread Ratio è già incluso all’interno del kit Expert Advisor, che comprende anche la versione Spread Alert che fornisce i segnali operativi in tempo reale sulla MT4.

>> richiedi Spread Alert (indicatore esperto)

>> richiedi Spread Trader EA  (expert advisor)

N.B. Tutti i prezzi sono “a integrazioe”, cioè sSe hai già acquistato l’indicatore Spread Alert, per passare all’expert advisor non occorre pagare il prezzo pieno, ma è sufficiente pagare la differenza tra i due prodotti (upgrade).

L’expert funziona solo in demo o anche in real?

L’expert funziona in REAL, ma la licenza inizialmente viene rilasciata solo per il conto DEMO, per darti il tempo di familiarizzare con il funzionamento dell’EA e di imparare ad usarlo e padroneggiarne le funzioni. Solo quando avrai capito bene la strategia e avrai imparato ad impostare correttamente l’expert, potrai sbloccare la licenza REAL, senza costi aggiuntivi.

Questa è la mia politica commerciale, ed è spiegata chiaramente in questo post.

Se invece vuoi andare allo sbaraglio comprando un expert a scatola chiusa per buttarti subito a mercato senza fare nemmeno un periodo di prova, puoi rivolgerti a qualcun altro.

Quanto costa la licenza dell’expert advisor?

La licenza dell’expert costa 150€ per EA demo e 250€ per EA real. Il prezzo è bloccato da Giugno 2015 e non ci sono sconti né promozioni. La licenza è individuale e non ha limiti di tempo. Ogni licenza prevede l’ingresso di diritto nello Spread Trading Club, che significa aggiornamenti gratuiti del software, webinar di approfondimento riservati agli iscritti, accesso al gruppo chiuso su Facebook.

Insieme all’expert ricevi tutto il materiale didattico (video + slide pdf + indicatori + tabella XL per il MM).

Dove si trova l’indicatore? (Riccardo)

Puoi scaricare l’indicatore Spread Ratio da questa pagina di download.

Se invece stai cercando l’indicatore Spread Alert che fornisce i segnali operativi in tempo reale sulla MT4, allora lo trovi a questa pagina.

Quanto costa un VPS? (Aldo)

Per il corretto funzionamento di un expert advisor è necessario avere una MT4 sempre funzionante, e il VPS (virtual private server) è un’ottima soluzione. Molti broker li offrono ai propri clienti real per una cifra modica, intorno ai 10-20€ al mese. In alternativa, puoi utilizzare i servizi cloud di aziende specializzate. Puoi trovare una funzione virtual server su Amazon.

si puo’ rivedere la registrazione del webinar?

Sì, tutti i webinar sullo spread trading sono stati registrati. Se ti sei iscritto alle ultime edizioni, hai già ricevuto i link per rivedere la registrazione su YouTube. Se non hai ricevuto la mail perché si è persa nello Spam o tra le Promozioni, ecco il link:

>> webinar del 5 febbraio

P.S. Se hai altre domande, invia una mail a: info(at) SpreadTradingClub.com